escher.jpg

Escher

33,25€ 35,00Sconto: 5%

Prodotto

fai click e scegli...
Prodotto
Aggiungi al Carrello
Acquistabile con 238 punti
Con questo acquisto potrai accumulare
34 punti Skira
/
Escher
Escher

descrizione
Curioso del mondo e dei suoi segreti: così potrebbe essere definito Maurits Cornelis Escher (1898-1972), uno dei più importanti e sorprendenti intellettuali del XX secolo, che utilizzava le immagini al posto delle parole per narrare la sua idea di vita e di arte. 
Continua a leggere
“[…] che cos’è la cosiddetta realtà, che cos’è questa teoria se non un’illusione splendida ma primordialmente umana?”.
(M.C. Escher, lettera del 16 gennaio 1953, indirizzata al matematico J.W. Wagenaar)
L'opera di Escher, costituita per la gran parte da stampe (xilografie, soprattutto litografie, mezzetinte), realizzate dopo una miriade di disegni, di acquarelli e di studi, ha intrecciato campi d’indagine del tutto diversi, da quello della geometria alla cristallografia, fino allo studio, e all’impiego, delle leggi della percezione visiva.
Nato fra le brume delle Fiandre, Escher s’innamorò del sole dell’Italia, dove risiedette per dodici anni ritraendo i paesaggi della penisola, che percorse in lungo e in largo. Il suo sguardo geniale si posò sulle dolci colline senesi, sulle rocce scoscese della costiera amalfitana, sul mare di Tropea fino allo stretto di Scilla, senza lasciarsi ingannare dal lirismo o dal pittoresco, ma osservando in filigrana la struttura geometrica delle cose.
L’attenzione alla geometria gli veniva dalla sua formazione legata all’art nouveau, che esplose dopo lo studio delle decorazioni moresche dell’Alhambra, da cui derivò lo studio della tassellatura, ovvero della divisione regolare del piano che lo portò alla creazione di capolavori come Giorno e notte, Ciclo, Cielo e acqua, Metamorfosi.
Quello che affascinava Escher era il limite del visibile, il paradosso del piano dove il vuoto finiva per divenire pieno e viceversa. Per questo, la sua attenzione, anche attraverso la cristallografia, si appuntò sui cosiddetti “oggetti impossibili”, come il cubo di Necker, nel quale mai si capisce quale sia la faccia che sta avanti e quella che sta dietro.
Profondo conoscitore delle correnti artistiche del suo tempo, Escher fu un maestro suo malgrado perché, pur non avendo allievi diretti, influenzò generazioni di pittori e, soprattutto, il gusto di un’epoca che ancora oggi resta ammirata di fronte alle sue creazioni.
Pubblicato a corredo dell’esposizione romana, il volume – che risulta la più completa e aggiornata monografia dedicata a Escher – comprende i saggi di Marco Bussagli, Federica Pirani, Federico Giudiceandrea, Luigi Grasselli e Antonio F. Costa, il catalogo e le schede delle opere, la cronologia e la bibliografia selezionata.
Mostra meno
specifiche
Anno di pubblicazione2014
LinguaItaliana
ISBN885722572
EAN9788857225722
Formato28 x 24cm
Pagine224
RilegaturaBrossura
Illustrazioni a colori231
ArgomentoArte
spedizioni Spedizioni su territorio nazionale e all'estero in 4/5 giorni lavorativi.

CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks