gabriella-benedini.jpg

Gabriella Benedini

26,60€ 28,00Sconto: 5%

Prodotto

fai click e scegli...
Prodotto
Aggiungi al Carrello
Acquistabile con 191 punti
Con questo acquisto potrai accumulare
27 punti Skira
/
Gabriella Benedini
Gabriella Benedini

Opere 1972-2012

descrizione
Continua a leggere
Dalla metamorfosi all’alchimia, dalla geografia all’immaginazione, dalla pittura all’installazione, dalla musica alla poesia. L’opera di Gabriella Benedini si muove da quarant’anni lungo l’incerto crinale di polarità come queste, alimentandosi di curiosità sempre verdi e di una intima malinconia che non si appaga di un luogo o un volto ma sempre vibra instancabilmente in un’ansia “di infinito”.
In questa monografia, per la prima volta, tutti i passaggi salienti dell’itinerario dell’artista lombarda, fra le più originali e interessanti voci femminili nel panorama artistico italiano.
 
Nata a Cremona nel 1932, si diploma presso l’Istituto Paolo Toschi di Parma, completando la formazione all’Accademia di Brera. Tra il 1958 e il 1960 soggiorna a Parigi, dove tiene le prime mostre personali e partecipa a rassegne collettive. Rientrata in Italia, decide di stabilirsi a Milano, fulcro della vita artistica e culturale del Paese. Qui si avvicina al realismo esistenziale e, attraverso l’artista Bepi Romagnoni, entra in contatto con la Galleria Bergamini, che nel maggio del 1962 organizza la sua prima personale italiana, curata da Carlo Munari. Negli stessi anni partecipa anche al clima della nuova figurazione, ma, progressivamente, la sua ricerca si rivolge a esperienze diverse, impiegando anche nuovi linguaggi tra i quali quello cinematografico, che usa nel 1972 per realizzare due Super 8, Doprenoi e Diutop. Di grande arricchimento sono i numerosi viaggi che compie in Africa, Asia, America, da cui trae suggestioni che rielabora nel suo percorso artistico.
Nel 1977 è tra le fondatrici del gruppo Metamorfosi, con il quale partecipa ad alcune mostre in Italia e all’estero. Nascono in questo periodo le Lettere italiane, le Storie della Terra-Mutazioni e i Teatri, che vengono esposti a Bruxelles all’Autre Musée e in Brasile al Museu de Arte Contemporãnea di San Paolo. Nel 1984 realizza il Teatro chimico di novembre per una mostra a Palazzo Massari di Ferrara, opera che sarà esposta due anni più tardi alla Biennale di Venezia su invito di Arturo Schwarz.
Nella sua ricerca pittorica introduce con sempre maggior frequenza elementi tridimensionali, fino a operare in senso decisamente volumetrico, creando opere anche di grandi dimensioni. La poetica legata alla misura del tempo e dello spazio la spinge a creare delle serie: i Goniometri, i Sestanti, le Costellazioni, i Pendoli del tempo e poi le Arpe dal 1993, le Navigazioni dal 1996, le Vele dal 2002.
L’interesse per la parola e per i libri la induce a  intervenire sulla collana  di poesia Einaudi, detta “la bianca”, sostituendo liberamente all’introduzione segni e grafie, e in seguito a realizzare dei libri polimaterici lignei, che racchiudono, in un piccolo spazio, un intero microcosmo: sono le tre serie di Bibliotheca (1990, 1996, 2001) e i centotrenta esemplari per i Cento Amici del Libro.
Saluzzo (Cuneo), Castiglia, Piazza Castello
16 settembre – 14 ottobre 2012
 
Mostra meno
specifiche
Anno di pubblicazione2012
CuratoreMartina Corgnati
LinguaBilingue Italiano Inglese
ISBN885721614
EAN9788857216140
Formato24 x 28cm
Pagine80
Illustrazioni a colori42
ArgomentoArte
spedizioni Spedizioni su territorio nazionale e all'estero in 4/5 giorni lavorativi.

CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks