gastone-biggi-1.jpg

Gastone Biggi

36,10€ 38,00Sconto: 5%

Prodotto

fai click e scegli...
Prodotto
Privacy policy
Salva prenotazione
/
Gastone Biggi
Gastone Biggi

descrizione
Continua a leggere
Una panoramica sull’opera di Gastone Biggi (1925), uno dei protagonisti della storia dell’arte astratta in Italia dagli anni ’60 in avanti, un artista finora poco studiato e sconosciuto nella ricchezza e complessità del suo articolato percorso. La monografia, che accompagna l’esposizione a Parma, presenta il corpus dipinti e disegni dell’artista generosamente donato dall’artista al CSAC, il Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma: un patrimonio culturale di grandissimo interesse nonché una testimonianza rilevante della storia di un importante artista ma anche un insieme di documenti spesso unici, a volte anche sconosciuti, che permettono di restituire il tessuto e il dibattito nella cultura italiana negli anni dal dopoguerra ad oggi.Gastone Biggi è un caso nella storia dell’arte italiana; ha cominciato, nell’immediato dopoguerra, come realista frequentando gli artisti della Scuola del Portonaccio, da Muccini a Vespignani, quindi formando il Gruppo 56. Momento di passaggio della sua ricerca sono Le cancellate proposte a Roma nel 1957 e seguite, nel 1958, da Le sabbie che portano Biggi ormai nella direzione dell’Informale. La sua ricerca agli inizi degli anni ’60 appare di grande interesse e il dialogo con Piero Dorazio, Gastone Perilli, Toti Scialoja, Giulio Turcato è stato allora intenso ma, ben presto Biggi prende un’altra strada e, nel 1962, fonda, con Frascà, Carrino, Santoro, Uncini e Pace, il Gruppo 1 che espone prima a Firenze e poi a Genova e, nel 1963, a Roma.Il Gruppo, che vede l’attenzione critica di Giulio Carlo Argan, Palma Bucarelli, e di numerosi altri storici dell’arte da Nello Ponente a Corrado Maltese, si pone in alternativa alla ricerca dell’Informale e ricerca invece una pittura legata alla teoria della percezione, la teoria della Gestalt, suggerendo una diversa funzione dell’artista nella società. Per Argan, che suggerisce molti spunti alla poetica del gruppo, l’arte si lega alla programmazione, arte è dunque un modello per interpretare razionalmente il mondo, esattamente come accadeva alla Bauhaus di Gropius, e il sogno di questi pittori diventa quello di mutare la realtà della produzione artistica uscendo dalla matrice sostanzialmente irrazionale, gestuale, segnica dell’Informale.Mentre l’Informale tramonta prima della metà degli anni ’60 i giovani artisti del gruppo, e di altri gruppi che si collegano a questo romano in molte città d’Italia come Milano o Padova e anche fuori di Italia, si trovano a dover fronteggiare la nuova moda della Pop Art che si impone in tutta Europa attraverso la Biennale di Venezia del 1964 e una ben orchestrata serie di mostre in musei e gallerie private, in tutta Europa. Così gli artisti del Gruppo 1, e Biggi in particolare che resta fedele a quei modelli, finiscono per trovarsi emarginati, esclusi, anche perché proprio l’imporsi delle nuove mode finisce per escludere dal giro del mercato, e dunque delle mostre e dal collezionismo, coloro che rifiutano di adeguarsi. Così la pittura di Gastone Biggi, che prosegue negli anni con singolare coerenza la propria ricerca, al di là di una serie di precisi interventi critici ad esempio di Luciano Caramel, Paolo Fossati, Elena Pontiggia che ne recuperano singoli momenti di ricerca, non trova una risposta adeguata da parte della nuova critica che passa dalla Pop appunto alla Op, dalla Arte Povera alla Transavanguardia.Parma, Salone delle Scuderie in Pilotta
14 settembre – 14 novembre 2004Il volume è disponibile presso il bookstore Skira di via Torino a Milano e da settembre 2004 in tutte le librerie italiane.
Mostra meno
specifiche
Anno di pubblicazione2004
AutoreArturo Carlo Quintavalle
ISBN888491997
EAN9788884919977
Formato24 x 29.5cm
Pagine264
Illustrazioni a colori46
ArgomentoArte
spedizioni Spedizioni su territorio nazionale e all'estero in 4/5 giorni lavorativi.

CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks