gianluigi-colin.jpg

Gianluigi Colin

39,90€ 42,00Sconto: 5%

Prodotto

fai click e scegli...
Prodotto
Aggiungi al Carrello
Acquistabile con 286 punti
Con questo acquisto potrai accumulare
40 punti Skira
/
Gianluigi Colin
Gianluigi Colin

Dèi

descrizione
mpegnato a intrattenere un dialogo con la contemporaneità, Colin si pone in ascolto degli “oracoli parlanti”, elaborando affreschi inesatti, imperfetti, sgrammaticati, fondati sul ricorso a una tecnica complessa.
Continua a leggere
Gianluigi Colin dà vita a una sfida che consiste non nel risalire all’antico, né nell’avviare un percorso anacronistico. Rintraccia sopravvivenze lontane. Insegue tracce classiche riposte dentro l’ordito del presente: prova a vedere cosa sono diventate le divinità greche nella nostra epoca disincantata. Utilizza il mito come strumento non per uscire da “questo” mondo, ma per abitarlo in modo diverso, imboccando sentieri laterali.
Quattro dei della mitologia classica (Venere/Afrodite, Marte/Ares, Mercurio/ Ermes, Saturno/Crono) e un luogo (il Labirinto, luogo mitico per eccellenza) diventano occasione e metafora per parlare dei “miti” del presente. Diciotto opere inedite di Colin identificano alcuni “miti d’oggi” (potere, guerra, denaro, bellezza, stampa e finanza), nuovi dei pagani che superano barriere culturali e politiche e che sono, forse, l’esempio di una vera globalizzazione invisibile.
Impegnato a intrattenere un dialogo con la contemporaneità, Colin si pone in ascolto degli “oracoli parlanti”, elaborando affreschi inesatti, imperfetti, sgrammaticati, fondati sul ricorso a una tecnica complessa. Dapprima, sfoglia i quotidiani; poi, preleva pagine su cui appaiono immagini “rivelatrici”; accartoccia quei fogli, con un gesto di intolleranza morale; fotografa questi “stropicciamenti”; stampa il file su carta di giornale, che viene appiccicata su un letto fatto a sua volta di sedimentazioni di carte di giornali; infine, con impeto, interviene con le mani su questo materiale, con ulteriori piegature. Nascono, così, le Mitografie di Gianluigi Colin, (realizzate dal 2009 al 2011) simili a tessuti increspati, a relitti di un naufragio o a reliquie di memorie sfrangiate, oramai lontanissime.

Gianluigi Colin (1956) conduce da molti anni una ricerca artistica dal forte impegno etico servendosi di materiali esistenti tra il presente e la memoria. È art director del “Corriere della Sera” su cui scrive anche di fotografia e comunicazione visiva.

Il volume comprende i testi di Barbara Rose, Vincenzo Trione, Gillo Dorfles, Eva Cantarella e Matteo Collura.

Napoli, MaDRE Museo d’arte Contemporanea Donnaregina
22 settembre – 8 novembre 2011
Mostra meno
specifiche
Anno di pubblicazione2011
CuratoreBarbara Rose
ISBN885721271
EAN9788857212715
Formato24 x 28cm
Pagine244
Illustrazioni a colori150
ArgomentoArte
spedizioni Spedizioni su territorio nazionale e all'estero in 4/5 giorni lavorativi.

CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks