giulio-paolini.jpg

Giulio Paolini

22,80€ 24,00Sconto: 5%

Prodotto

fai click e scegli...
Prodotto
Aggiungi al Carrello
Acquistabile con 164 punti
Con questo acquisto potrai accumulare
23 punti Skira
/
Giulio Paolini
Giulio Paolini

Gli uni e gli altri (L’enigma dell’ora)

descrizione
Continua a leggere
L’omonima installazione di Giulio Paolini ideata dall’artista in rapporto ideale con le opere di Giorgio de Chirico.

Tra i massimi interpreti dell’arte contemporanea, Giulio Paolini (Genova 1940) ha esordito nei primi anni sessanta ed è stato tra i protagonisti dell’Arte Povera. Da sempre concepisce l’opera d’arte come una visione vertiginosa capace di evocare un numero potenzialmente infinito di altre visioni e di abbracciare un tempo dilatato, esteso a tutta l’arte passata e futura. ?
A partire da Disegno geometrico del 1960, la sua prima opera conosciuta: una tela nella quale compare unicamente la squadratura geometrica anticipazione di ogni possibile immagine, Giulio Paolini persegue l’idea che ogni opera d’arte attinga a un unico, enigmatico, modello. Un pensiero, il suo, che trova rispondenza nella concezione antimoderna del grande metafisico.??
Enigma, attesa, assenza, malinconia, prospettiva, sono i grandi temi sui quali Giulio Paolini  dichiara la sua affinità con Giorgio de Chirico. Ne sono testimonianza alcuni dei suoi lavori storici, come quello presentato nella mostra “Campo urbano” a Como nel 1969, nel quale compare la frase Et.quid.amabo.nisi.quod.aenigma.est? (E cosa amerò se non l’enigma?), la stessa che sigla un autoritratto di Giorgio de Chirico del 1911.

Pubblicata in occasione dell’esposizione romana, la monografia presenta Gli uni e gli altri. L’enigma dell’ora, la grande installazione concepita come una sorta di cosmogonia all’interno della quale sono disseminate le tracce e i frammenti dei corpi e delle nebulose che abitano l’universo, disposte in uno spazio approssimativamente ordinato come il quadrante di un orologio, enigmatico emblema di un tempo circolare, e lungo le assi di una X, simbolo dell’incognita, ma anche traccia di quella prima squadratura geometrica che continua a sovraintendere alle vertiginose visioni dell’autore.
L’opera è analizzata dai testi dell’artista, di Daniela Lancioni e di Maddalena Disch.

Catalogo della mostra a
Roma, Palazzo delle Esposizioni
9 aprile  – 11 luglio 2010
Mostra meno
specifiche
Anno di pubblicazione2010
CuratoreDaniela Lancioni
ISBN885720663
EAN9788857206639
Formato21 x 22cm
Pagine72
Illustrazioni a colori50
ArgomentoArte
spedizioni Spedizioni su territorio nazionale e all'estero in 4/5 giorni lavorativi.

CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks