il-secolo-del-jazz.jpg

Il secolo del Jazz

18,05€ 42,00Sconto: 57%

Prodotto

fai click e scegli...
Privacy policy
Salva prenotazione
/
Il secolo del Jazz
Il secolo del Jazz

Arte, cinema, musica e fotografia da Picasso a Basquiat

descrizione
Un approfondito dibattito critico su uno degli intrecci più curiosi e interessanti del XX secolo.
Continua a leggere
l volume pubblicato in occasione del grande evento espositivo al MART di Rovereto vuole aprire un approfondito dibattito critico su uno degli intrecci epocali più curiosi e interessanti del XX secolo: il jazz non fu infatti solo uno straordinario genere musicale, che rivoluzionò i canoni tradizionali della musica, ma rappresentò anche un nuovo modo d’essere della società del ’900 e un fenomeno che influenzò profondamente la storia artistica del secolo scorso.
Il jazz rappresenta, insieme al cinema e al rock, uno dei principali fenomeni artistici del XX secolo. Nata nei primi anni del Novecento, questa musica ibrida lo ha attraversato accompagnando ogni aspetto della cultura mondiale con i suoi ritmi e i suoi suoni.
Il Secolo del Jazz vuole proporre una lettura pluridisciplinare suddivisa in ordine cronologico di questa complessa vicenda, illustrando al pubblico come la colonna sonora del jazz abbia improntato tutte le altre arti, dalla pittura alla fotografia, dal cinema alla letteratura, senza dimenticare, naturalmente, la grafica o il fumetto. Picabia, Gleizes, Man Ray, Janco sono tra i primi artisti ad accogliere con entusiasmo la nascente musica afro-americana, seguiti a ruota da molti altri artisti come Otto Dix, Max Beckman o Frantisek Kupka. Il jazz diventa una fonte d’ispirazione rivendicata da molti pittori modernisti americani degli anni venti e trenta. Le opere astratte di Arthur Dove o quelle più ambigue di Stuart Davis costituiscono, tra le tante produzioni, un esempio emblematico. Poco più tardi, un altro pittore di prima grandezza, Henri Matisse, intitolerà Jazz  uno dei libri d’artista più noti del XX secolo. Il rapporto privilegiato tra jazz e arte si intensifica ulteriormente nel dopoguerra. Spesso senza il minimo intento illustrativo, i pittori astratti tentano di ritrovare sulla tela la spontaneità e l’improvvisazione propria dei musicisti. Da Jacob Lawrence (con la sua famosa Migration Serie) a Romare Bearden, fino a Jean-Michel Basquiat, la creatività nera nel dopoguerra e nel periodo contemporaneo non cessa di crescere e perfezionarsi, assumendo una specificità sempre più marcata. Infine, attorno agli anni sessanta, divenuti pop, minimali, concettuali, poveristi, in una sola parola contemporanei più che moderni, molti artisti attingono comunque, ciascuno a suo modo, al jazz e dintorni.

Rovereto, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di?Trento e Rovereto
15 novembre 2008 – 15 febbraio 2009
Parigi, musée du quai Branly
10 marzo - 28 giugno 2009
Barcellona, Centre de Cultura Contemporània de Barcelona 
21 luglio - 18 ottobre 2009
Mostra meno
specifiche
Anno di pubblicazione2008
ISBN885720086
EAN9788857200866
Formato24 x 28cm
Pagine448
Illustrazioni a colori947
ArgomentoArte
spedizioni Spedizioni su territorio nazionale e all'estero in 4/5 giorni lavorativi.

CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks