lombardia-manierista.jpg

Lombardia manierista

76,00€ 80,00Sconto: 5%

Prodotto

fai click e scegli...
Prodotto
Aggiungi al Carrello
Acquistabile con 544 punti
Con questo acquisto potrai accumulare
76 punti Skira
/
Lombardia manierista
Lombardia manierista

Arti e architettura 1535-1600

descrizione
Continua a leggere
Lombardia manierista. Arti e architettura 1535-1600 analizza i percorsi dell’arte nei territori lombardi nel periodo compreso tra l’avvento di Carlo V (1535), che coincide, da un lato, con il tramonto della dinastia degli Sforza, dall’altro, con un rilancio di Milano entrata ormai nell’orbita degli influssi della cultura centro-italiana – legata alle figure dominanti di Raffaello e di Michelangelo –, e la designazione del cardinale Carlo Borromeo a capo della diocesi milanese (1565), il quale impone le rigide regole della Controriforma anche in campo artistico.
Queste due fasi del manierismo lombardo sono illustrate nel saggio che apre il volume: tenendo Milano come osservatorio privilegiato, si vuole offrire al lettore uno sguardo d’insieme rivolto agli episodi più noti. In questa griglia trovano posto gli approfondimenti proposti nei saggi successivi  dedicati all’architettura civile e religiosa a Milano e nei territori del Ducato e all’architettura militare; mentre prendono voce altre realtà particolari, come la grande tradizione della scuola pittorica cremonese, la fase eccentrica della cultura milanese con la figura dominante di Arcimboldi, l’eredità di Giulio Romano attraverso le incisioni, i meravigliosi cristalli realizzati dai laboratori milanesi, la scultura monumentale e l’impiego dei marmi colorati nei territori del Ducato, il caso straordinario della corte di Vespasiano Gonzaga a Sabbioneta. Simili sviluppi si riconoscono anche nei territori di Bergamo e di Brescia, da più di un secolo parte integrante della Serenissima Repubblica di Venezia che qui ancora domina, attraverso la propria scuola pittorica, accanto agli allievi di Moretto, Romanino e Moroni, così come il magistero di Alessandro Vittoria informa la nuova generazione di lapicidi e scultori e i modelli architettonici di Palladio, Sansovino e Sanmicheli si diffondono nei territorio attraverso la tipologia della villa e della porta monumentali.
Le trasformazioni dei linguaggi artistici tra il 1535 e il 1600, dunque, rivelano, attraverso un ricco repertorio fotografico, il passaggio dalla tradizione consolidata del classicismo rinascimentale al multiforme linguaggio barocco nel quale si fondono bizzaria e devozione.
Mostra meno
specifiche
Anno di pubblicazione2010
ISBN885720279
EAN9788857202792
Formato24 x 32cm
Pagine320
Illustrazioni a colori123
ArgomentoArte
spedizioni Spedizioni su territorio nazionale e all'estero in 4/5 giorni lavorativi.

CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks