CRAZY La follia nell’arte contemporanea

Il pazzo non è l’uomo che ha perso la ragione.
Il pazzo è l’uomo che ha perso tutto tranne la ragione.

Gilbert Keith Chesterton

CRAZY

un testo di Danilo Eccher

La scelta di un titolo per una mostra d’arte indica il campo di un pensiero. Più che nel cinema, nella letteratura, e nella musica, la scelta di un titolo nell’arte riveste un compito più ampio e complesso. Al di là dell’effetto accattivante, sorprendente, allusivo, comunicativo, il titolo di una mostra indica il perimetro di riflessione, l’orizzonte concettuale o il territorio poetico entro cui si svolge il compito recitativo dell’opera.

Ciò vale sia per le esposizioni personali come sia per quelle collettive. Tracciare tali confini e percorrerne i limiti è il compito dello studioso, dello storico, del critico, del curatore, sta a lui definire il rigore dei confini, l’ampiezza dell’orizzonte, le asperità del territorio.

La definizione del titolo oscilla quindi tra la rigidità di un tema estremamente circoscritto, come “fiori” o “ritratto”, fino all’inconsistenza aerea di pensieri e intuizioni, come “amore” o “fantasia”. Da un lato, una strada ben tracciata, sicura, affidabile, sulla quale poter compiere improvvise e piccole curve, semplici sobbalzi, ma con la certezza di un costante controllo rassicurante. Dall’altro lato, lo sgomento di un vuoto incerto, solo deboli segnali di un itinerario senza meta, la possibilità di percorrere tutte le strade in ogni direzione, l’esaltazione di una libertà assoluta, senza controllo.

Janet Echelman, Study for Butterfly Reststop (1/9th scale), 2021 Courtesy Studio Echelman

Nel primo caso il rischio maggiore è quello di ridurre far sparire l’opera nello scorrere banale di illustrazioni, tale è la forza tematica espressa dal titolo che ogni lavoro artistico si piega al suo volere, soffocando la sua poesia, impedendo la propria riflessione per chiudersi nella semplicità della propria immagine, nella superficialità formale della propria presenza.

Nel secondo caso, la spia di pericolo si accende quando la nebbia tematica si alza troppo fitta, scompaiono i confini, tutto diviene incerto e possibile, l’eccitazione di libertà precipita nel baratro dell’arbitrio, dell’ingiustificato, dell’essere e del suo contrario.

All’interno di queste due estremità e nella consapevolezza di questi due pericolosi ostacoli, si colloca la responsabilità nella della scelta di un titolo per una mostra d’arte.

Carlos Amorales, Black Cloud Fashion, 2022 Dimensions Courtesy l'artista
Crazy
€ 36,00  34,20
acquista


CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks