LEE MILLER E MAN RAY: AFFINITÀ ELETTRICHE

L’ho fatto deliberatamente, stavo dando la caccia [a Man Ray].
Era il 1929, tra la primavera e l’inizio dell’estate.
Mi trovavo a Venezia e avevo girato l’Italia in lungo e in largo per vedere dipinti.
Fu allora che ebbi il rifiuto dell’arte classica e tutte quelle cose lì [...].
Così presi un treno, andai a Parigi e bussai alla porta di Man Ray [...].
Non mi sono mai guardata indietro!

LEE MILLER E MAN RAY: AFFINITÀ ELETTRICHE

Lee Miller va a cercare Man Ray a Parigi per diventare la sua apprendista.

L’incontro darà vita a un rapporto professionale e personale intenso e spesso tumultuoso che durerà tre anni (1929-1932). Miller acquisisce rapidamente le tecniche innovative del fotografo e fa propria la sua predilezione per gli ambienti illuminati in maniera semplice. Man Ray si invaghisce ben presto di Lee, forza della natura e spirito libero con “un’aura audace e luminosa” (Julien Levy). La celebre fotografia Elettricità, raffigurante un busto femminile nudo animato da onde elettriche bianche, sintetizza il loro amore ‘elettrico’ ed esplosivo (1931).

Lee Miller Man Ray
€ 37,00  35,15
Lee Miller, 1930 ca Photographie de Man Ray
Lee Miller e Agneta Fisher, “Vogue”, 1932. George Hoyningen-Huene Estate Archive

Le loro opere, tuttavia, veicolano narrazioni diverse: i ritratti in cui Man Ray raffigura Lee nuda sono spesso erotici, sottomessi e vulnerabili, mentre lei si concentra sulla forza, sul controllo e sulla libertà femminile (vedi Autoritratto, 1930 circa). Differenze di approccio si rilevano anche nei rispettivi ritratti ‘solarizzati’, una tecnica che Lee Miller scoprì in maniera casuale e che i due svilupparono insieme. La limitazione di libertà percepita da Miller e la sua opposizione all’oggettivazione surrealista (da parte maschile) e ai doppi standard dell’amore libero si avvertono nell’immagine soffocante di Tanja Ramm sotto una campana di vetro (1930 circa) e in Senza titolo (1929 circa).

I servizi commerciali e le immagini di ispirazione surrealista di Miller dimostrano il suo occhio e il suo talento come fotografa. La decisione di rompere con Man Ray alla fine del 1932 lascerà l’artista in uno stato di disperazione, come testimonia la sua produzione successiva.



CONSEGNA GRATUITA

Per gli ordini di spesa superiore a
€ 50,00 la consegna sarà gratuita
in tutto il territorio nazionale

CLUB SKIRA

Con Skira Card entri
nel mondo della grande arte
Scopri il Club Skira

F.A.Q.

Le risposte alle domande più frequenti
Leggi le F.A.Q.

NEWSLETTER

Tutte le novità sul mondo dell'arte,
eventi e vantaggi in esclusiva
Iscriviti alla Newsletter

© 2021 Skira Editore Tutti i diritti riservati – P.IVA: 11282450151

logo-3mediastudio logo-antworks